Autodromo Nazionale di Monza: storia e curiosità
venerdì 30 agosto 2019

Autodromo Nazionale di Monza: storia e curiosità

L'Autodromo Nazionale di Monza ha una storia che inizia nel 1922, quando l'Automobile Club Milano decise di celebrare il suo 25esimo anniversario

In collaborazione con Monza Reale, pubblichiamo anche qui l'articolo scritto per il loro blog!


L'Autodromo Nazionale di Monza ha una storia che inizia nel 1922, quando l'Automobile Club Milano decise di celebrare il suo 25esimo anniversario facendo costruire un grande circuito automobilistico.

Inizialmente si valutarono alcune aree libere fuori Milano – dove oggi, ad esempio, sorge l’aeroporto di Malpensa – ma la scelta ricadde sul grande parco della città di Monza.

Da qualche mese la proprietà del Parco era passata dalla Casa Reale dei Savoia allo Stato Italiano: il governo fascista allora in carica aveva quindi stabilito di sfruttare questo immenso territorio dotandolo di servizi sportivi (piscine, campi da tennis) e strutture per l’accoglienza di orfani (le colonie elioterapiche di San Fedele e del Mirabellino).

La costruzione del circuito, ben 10 km di tracciato stradale contro i 14 inizialmente progettati, si inseriva perfettamente in questa nuova visione del Parco ed era consonante anche al clima culturale allora in voga: il Futurismo, con il suo mito del progresso, della velocità e dell’automobile come emblema della modernità trovava così la sua ideale consacrazione.

La pista fu terminata in tempi record con soli tre mesi di lavori per i 5,5 km di pista e i 4,5 km di anello per l’alta velocità; lo scopo del circuito non era però solo legato alla finalità sportiva, infatti la struttura fu spesso utilizzata per testare novità scientifiche legate alla materia stradale.

Lo sapevate, per esempio, che l’asfalto drenante, i guard-rail e il telepass sono stati sperimentati a Monza?

Le gare che si disputarono sul circuito erano famose per le grandi velocità raggiunte: moto e automobili da corsa registravano qui record su record. Tuttavia la spericolata velocità fu la causa di numerosi incidenti, in alcuni casi anche mortali; come non ricordare tra questi il celeberrimo episodio che vide protagonista Alberto Ascari, morto in pista durante un giro di prova nel maggio del 1955, nel punto in cui oggi si trova la variante che ne porta il nome.


Per rendere il tracciato più sicuro furono apportate negli anni numerose modifiche (una di queste firmata dal conte Vincenzo Florio negli anni ’30), eliminando lunghi rettifili a favore di chicane e rinunciando ad utilizzare alla spettacolare curva parabolica; rispetto agli esordi, il percorso di gara oggi risulta notevolmente ridotto a 5,793 km di pista.

Curioso fu l’utilizzo del circuito durante la Seconda Guerra Mondiale: in una sezione dell’Autodromo di Monza furono infatti sfollati gli animali esotici del giardino zoologico di Milano. Disgraziatamente un grande felino riuscì a fuggire da una gabbia e uccise il guardiano che aveva cercato di riacciuffarlo. Nell’aprile del ’45 invece una sfilata di mezzi corazzati alleati distrusse il fondo stradale e furono quindi necessari grandi interventi per ripristinare l’utilizzo della pista.

Che la presenza del circuito abbia alterato gli equilibri del Parco, è indubbio e fuori discussione: le prospettive naturali create da Luigi Canonica, la vegetazione secolare e la fauna hanno risentito enormemente di questo massiccio intervento su un’area molto ampia.

Monza però oggi è anche l’Autodromo: una struttura e una tradizione che rendono la città famosa nel mondo, della quale difficilmente si riesce ad immaginare di poter rinunciare. La discussione però tra favorevoli e contrari alla presenza della pista nel Parco è sempre aperta, e il dibattito sembra non esaurirsi mai.

IN EVIDENZA

Vi suggeriamo qualche idea per una passeggiata tra i luoghi d’interesse del borgo di Oreno: dai cortili storici all'antico convento francescano, dalle ville di delizia alle cascine nel parco della Cavallera.
giovedì 18 marzo
Un anno di celebrazioni in occasione dell'anniversario della morte del Sommo Poeta.
mercoledì 24 marzo
A settembre parte un nuovo corso sulla storia dell'arte della Brianza, in collaborazione con Amici del Gabbiano di Trezzo sull'Adda
mercoledì 07 aprile