Gruppi

La Villa Reale di Monza

Dove: Monza

Target: Gruppi

Categoria: palazzi e ville

da definire in funzione dell'itinerario richiesto*

La più sontuosa, ricca ed imponente delle “Ville di Delizia” sorge nel cuore di Monza: è la Villa Reale, fatta costruire come residenza di campagna per l’arciduca Ferdinando da Maria Teresa d’Austria, passata poi al viceré Eugenio di Beauharnais (figlioccio di Napoleone Bonaparte) e, dopo l’Unità d’Italia, alla casa reale di Savoia.
Capolavoro dello stile neoclassico, attraverso le sue stanze è possibile ripercorrere un’epoca importante della storia e dell’arte italiana, immergendosi nel contempo nelle vicende degli illustri personaggi che l’hanno abitata.

L’edificio
La planimetria dell’edificio propone il tradizionale schema a U delle ville lombarde settecentesche, con corte d’onore e locali di servizio nelle ali laterali a loro volta concluse dagli avancorpi della Cavallerizza e del Teatrino di Corte.
La facciata principale, impostata in modo austero e razionale, ben rispecchia i valori del Neoclassicismo italiano e la sua predilezione per forme sobrie ed armoniose che recuperano elementi architettonici classici; il fronte rivolto verso il giardino appare invece più movimentato, pur mantenendo l’armonia e l’eleganza d’insieme dell’edificio.
La decorazione interna è caratterizzata da numerosi stucchi e mobili eleganti (oggi per lo più perduti), progettati e realizzati da alcuni dei più importanti decoratori dell’epoca.
A Ferdinando d’Asburgo si deve anche la costruzione del Serrone (oggi sede espositiva) e dell’ambiente della Rotonda, piccola stanza affrescata dal pittore Andrea Appiani con scene tratte dalle Storie di Amore e Psiche.
In epoca napoleonica l’architetto Luigi Canonica apportò delle importanti modifiche: furono edificati il Teatrino,  i corpi di guardia e soprattutto si provvide all’allestimento del Parco, il più grande tra quelli cintati d’Europa.
La Villa, con la proclamazione dell’Unità d’Italia, divenne proprietà della famiglia Savoia, che la adattò a residenza di villeggiatura. Monza fu particolarmente cara ad Umberto I: egli soggiornò ripetutamente presso la Villa, dove ristrutturò l’ala sud, dedicata agli appartamenti privati del sovrano e della consorte, la regina Margherita.

I giardini
La Villa non può considerarsi completa senza gli eleganti giardini che la circondano. Progettati inizialmente secondo un razionale impianto all’italiana, furono poi adattati alla moda romantica inglese ed assunsero l’aspetto che è stato mantenuto fino ad oggi: colline, boschetti, un piccolo lago e “scenari” con edifici in gusto neogotico.

Gli itinerari
Il complesso di Villa Reale e del suo parco è costantemente oggetto di interventi di restauro, di eventi espositivi temporanei e di progetti di visita differenti. Si presta quindi a diverse tipologie di percorso, che possono subire variazioni a seconda degli eventi in corso di volta in volta:


A. Appartamenti Reali, Secondo Piano Nobile e Belvedere, giardini : 3 ore.
B. Appartamenti Reali e giardini: 1 ora e 30’.
C. Secondo Piano Nobile e Belvedere, giardini : 1 ora e 30’.

INFO

Ritrovo presso la biglietteria di Villa Reale, viale Brianza 1, Monza.

Durata consigliata della visita: da 1 e 30' a 3 ore (a seconda del percorso che si desidera effettuare).

Costo*: 

A. € 150,00 

B. C. € 70,00

Costi extra:

A. € 21,00 biglietto d'ingresso cumulativo ridotto gruppi + commissioni di prevendita

B. € 10,00 biglietto d'ingresso Appartamenti reali + commissioni di prevendita

C. € 15,00 biglietto d'ingresso Appartamenti privati e belvedere + commissioni di prevendita

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

gruppi@artuassociazione.org | 3317063429

CHIEDI INFORMAZIONI

Vuoi riservare con pochi click il tuo posto alle nostre visite guidate?

Compila il form con i tuoi dati: riceveremo la tua prenotazione e ti risponderemo al più presto.

La richiesta di prenotazione che si invia tramite questo form non è vincolante.

La prenotazione si intenderà confermata solo dopo l'invio dell'email di accettazione da parte del nostro Staff.

In caso di modifiche alla prenotazione o disdette è necessario darne comunicazione tempestiva telefonando al numero 331 70 63 429 o scrivendo un'email all'indirizzo info@artuassociazione.org.

PROSSIMO EVENTO

sabato 26 gennaio 2019
POSTI DISPONIBILI