MONZA COM'ERA E COM'È [2017]
martedì 24 aprile 2018

MONZA COM'ERA E COM'È [2017]

Il progetto Monza com'era e com'è, nato dalla collaborazione tra Art-U e Collegio Villoresi San Giuseppe, è incentrato sulla ri-scoperta di alcuni luoghi della città che oggi appaiono assai diversi rispetto ad alcuni anni - o secoli - fa.

Il progetto Monza com'era e com'è, nato dalla collaborazione tra Art-U e Collegio Villoresi San Giuseppe, è incentrato sulla ri-scoperta di alcuni luoghi della città che oggi appaiono assai diversi rispetto ad alcuni anni - o secoli - fa.

L'itinerario, che si snoda nel centro storico cittadino, porta i visitatori sulle tracce del passato più antico di Modoetia, la città medievale, e ancor prima della romana Modicia: antichi ponti in pietra lungo il Lambro, mura fortificate con porte e castelli, chiese demolite o "trasferite" che sono testimonianze dello scorrere della storia e delle trasformazioni della città lungo i secoli. Andando avanti coi tempi, ci si imbatte anche nella memoria di edifici barocchi (il Seminario), neoclassici (il Teatro arciducale) e di "stile littorio" (la Casa del Fascio) che ai giorni nostri hanno assunto un aspetto e una funzione completamente diversa.

Come sovrapponendo l'immagine della città antica a quella attuale, le schede di approfondimento redatte dagli studenti del Collegio con la supervisione di insegnanti e del team di Art-U accompagnano il visitatore in un viaggio storico e geografico, dove i confini delle varie epoche si intrecciano e si trasformano fino a creare l'immagine della città che oggi ci è nota.

 

IN EVIDENZA

140 opere: tante sono esposte nella mostra all'Orangerie della Villa Reale di Monza, dedicata a "Andy Warhol, l'alchimista degli anni Sessanta". Raccontare un artista, un personaggio così poliedrico e sensibile come Warhol è sempre difficile, ma siamo pronte a raccogliere la sfida.
giovedì 14 febbraio
Il nuovo quartiere Citylife è vivo come non mai ed è diventato spazio vivace e ricco di spunti per vivere qualche ora di relax e imparare a conoscere la città.
mercoledì 26 settembre
La chiesa di San Fedele sorse sui resti dei Guasti Torriani e divenne un punto di riferimento fondamentale per la Chiesa cittadina. L'edificio, concepito in stile monumentale, rispondeva alle necessità espresse dal Borromeo nelle sue Instructiones Fabricae, un compendio di indicazioni per adattare le chiese in modo da favorire la predicazione e limitare così la diffusione del Protestantesimo.
lunedì 18 marzo